Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Essi consentono, inoltre, di offrire pubblicità su misura e collegamenti ai social network. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Tuscia Events è lieta di invitarvi alla presentazione del libro di Don Aniello Manganiello: Gesù è più forte della camorra che si terrà a Viterbo il 4 ottobre alle ore 16.30 in via Mariano Romiti 8.

Don Aniello Manganiello è un prete guanelliano che ha vissuto da parroco 16 anni a Scampia.
In questo libro uscito nel 2011, e rieditato in edizione economica quest’anno da Europa Edizioni, racconta la sua esperienza, le minacce ricevute dalla camorra, ma anche aneddoti di una vita al servizio degli ultimi.
Nel 2012 fonda Ultimi, Associazione per la legalità e contro le mafie, che oggi conta 19 presidi in tutta Italia, e di cui ci racconta in questa nuova edizione
E’ anche presidente dal 1994 dell’Associazione Calcio Oratorio Don Guanella di Scampia che da allora impegna i ragazzini del quartiere di Napoli nord togliendoli dai pericoli della strada.
Un sacerdote di Dio sempre al passo con la sua gente che vive di carità al servizio dei poveri.
Dal 2011 a oggi ha presentato questo testo in giro per l'Italia contando circa 800 presentazioni, soprattutto nelle scuole.
A incontrarlo si ha l'impressione di parlare con un uomo come pochi ne esistono; sempre disponibile con tutti e soprattutto un uomo che fa anticamorra con le opere, come lui stesso ama sottolineare.
Vi aspettiamo per ascoltare dalla sua voce roca le esperienze di una vita speciale al servizio dei bisognosi, ma anche i suoi racconti dei cammini che ha fatto verso Santiago de Compostela da Lourdes per sette volte.
Un camminatore, un sacerdote che a Napoli, e ovunque, non amava spostarsi in macchina ma a piedi per vedere la sua gente e misurarsi con essa quotidianamente e alla pari.
Sarà lui stesso a raccontarci di quando a Scampia si trovò costretto ad andare a parlare con dei malavitosi che rubavano l'acqua alla sua parrocchia con degli attacchi abusivi.
Sempre lui ci racconterà perché ha rifiutato la scorta dopo aver subito minacce dalla camorra.
Un appuntamento da non perdere assolutamente.