Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Essi consentono, inoltre, di offrire pubblicità su misura e collegamenti ai social network. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Se io fossi Babbo Natale, aspetterei con ansia la vigilia di Natale davanti al camino e all’albero di Natale.

Controllerei sulla mia sfera magica se tutti bambini del mondo si sono addormentati e abbiano lasciato latte, biscotti e uno sputino per le mie renne.

A mezzanotte partirei per il mio lungo viaggio con un sacco pieno di sogni e doni.

Porterei i regali a tutti i bambini, anche a quelli cattivi perché anche loro hanno qualcosa di buono.

Andrei subito dai bambini poveri e da quelli malati negli ospedali che a Natale si sentono più soli, tristi e soffrono di più.

Durante la notte leggerei nei loro pensieri per scoprire cosa desiderano e regalerei loro la guarigione, che è il dono più bello.

Porterei questi bambini sulla mia slitta e farei vedere loro tutto il mondo in una notte.

Nei miei pacchetti ci sarebbero emozioni dolci come la gioia, la felicità e la serenità.

Andrei anche negli orfanatrofi per donare un sorriso a quei bambini che non hanno una famiglia.

Volerei sulle case e spargerei sui tetti una polvere magica che possa cancellare l’odio e il rancore dal cuore degli adulti, che si sono dimenticati com’è bello essere felici come noi bambini.

Con la magia del Natale ripulirei i cuori e non ci sarebbero più guerre, attentati e morti.

Avrei un orologio magico per tornare indietro nel tempo e cancellare tutte la cose brutte che succedono nel mondo.

Farei anche nevicare, perché la neve è come una coperta che avvolge il mondo e lo rende un posto migliore.

Se fossi Babbo Natale, quanto lavoro che dovrei fare, ma lo farei volentieri per ricordare agli uomini che non si può vivere senza amore.

Allora sì che sarebbe davvero Natale e io avrei fatto un ottimo lavoro.