Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Essi consentono, inoltre, di offrire pubblicità su misura e collegamenti ai social network. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

A me piacerebbe molto provare la sensazione di essere il famoso Babbo Natale del polo nord, ma purtroppo non è possibile, quindi mi limiterò alla fantasia.

Se io fossi Gesù bambino, potrei pensare di donare al mondo cose nobili e non mi limiterei di certo a quelle materiali, porterei la pace ovunque e la salute a tutti i bambini e genitori che vivono momenti difficili, farei in  modo che tutti potessimo andare d’accordo e vivere in fratellanza e amore , porterei il calore di famiglia a chi non ce l’ha, una casa a chi è costretto a vivere per strada e cibo a chi muore di fame.

Purtroppo però Babbo Natale non ha questi poteri, ma può far sognare davvero essendo il Babbo adorato da tutti i bambini.

Allora, dal momento che ha una fabbrica immensa, che produce giochi continuamente, farei in modo che il Natale avvenisse più spesso.

Qualche volta farei un giro nella mia slitta “OH”, ma questo solo per piacere mio.

Poi mi farei vedere più spesso dai bambini per godere delle loro espressioni di meraviglia: da piccolo stavo sveglio tutta la notte per aspettare Babbo Natale e ho impiegato sette anni prima di capire perché non si faceva vedere, fino a che mi hanno svelato che Babbo Natale è solo una leggenda presa da Santa Claus, il santo che portava i giocattoli a colui che non li aveva.

Quindi di certo distribuirei giocattoli a volontà, privilegiando i bambini che li hanno pochi o per niente e ce ne sono tanti nel mondo!

Per il resto, oltre ai regali, porterei anche dolci, come caramelle, cioccolatini, gelatine, e orsetti di gomma.

Poi, farei in modo che tutti i giorni fossero sabato e domenica, così il sabato si potrebbe uscire spensierati o fare un po’ più tardi la sera davanti alla televisione a vedere un film; invece la domenica sarebbe sarebbe senza compiti e si potrebbe trascorrere il pomeriggio a casa di amici.

Ma, pensandoci bene, la scuola da tante soddisfazioni a chi si applica seriamente e è il più grande sogno per tanti bambini che hanno la possibilità di studiare, poi serve a tutti per costruire il proprio futuro.

Quindi di quest’ultimo desiderio non sono del tutto sicuro !