Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Essi consentono, inoltre, di offrire pubblicità su misura e collegamenti ai social network. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

orti di Tuscia Events

Da Marzo, a Montefiascone, aprirà  Osteria della Tuscia Circolo Enogastronomico.

I cibi della tradizione, in una  nuova veste.

Osteria della Tuscia è un circolo enogastronomico privato, accessibile associandosi tramite una apposita tessera, in cui l’esperienza culinaria si legherà ad una ambiziosa proposta culturale.

Il progetto nasce come collante dei progetti di Tuscia Events associazione culturale che con il circolo enogastronomico valorizza i prodotti coltivati nelle aiuole dei propri orti.

L’idea di base è quella di mettere insieme le ricette di una cucina semplice, legata al territorio e alle tradizionali pratiche di lavoro, utilizzando i prodotti a Km 0 coltivati dagli stessi soci.

Spiega, a questo proposito, Stefania Capati Presidente di Tuscia Events associazione culturale e promotrice del circolo enogastronomico: “l’idea fondante di Osteria della Tuscia  è la cultura tradizionale del cibo e del bere, la valorizzazione dei prodotti a Km 0 oltre alla convivialità come momento di socializzazione, di scambio e di crescita comune. Da questa idea siamo partiti  con il recupero delle ricette  della cucina del territorio, utilizzando solo  prodotti di qualità a Km 0. Intorno alla sede di Osteria della Tuscia Circolo Enogastronomico ci sono le aiuole degli Orti nelle quali vengono coltivati vegetali, erbe aromatiche, zafferano, zucche ed altro con il metodo sinergico quindi senza l’uso di pesticidi e fertilizzanti chimici. Il cuoco non dovrà fare altro che uscire e raccogliere la lattuga e la carota che gli servono per preparare uno dei tanti piatti in menù. Durante la stagione fredda le pietanze vengono cucinate su una stufa a legna, esattamente come facevano le nostre nonne, utilizzando le pentole di coccio e di rame, con una cottura lenta e prolungata che conferisce un sapore unico a tutte le vivande. A tutti i piatti proposti sarà affiancata una lista di vini biologici scelta con grande cura ed attenzione, privilegiando i vini del territorio. Quelli che per tradizione hanno sempre accompagnato i piatti tradizionali.  I menù sono fissi e rispettano la stagionalità dei prodotti. Dal giovedì a pranzo fino alla domenica sera, trenta commensali troveranno posto nelle salette del Circolo per  gustare sapori dimenticati come l’acquacotta o i fagioli con le cotiche. I menù scelti potranno essere letti sulla pagina del sito www.tusciaevents.com e prenotati con largo anticipo."

Alcune delle serate saranno a tema con un unico piatto protagonista del recupero di ricette dimenticate che non compaiono più sulle nostre tavole, con un’attenta ricerca di ingredienti sani e genuini prodotti a km 0.  La filosofia di Osteria della Tuscia Circolo Enogastronomico è proprio questa: riportare sulle nostre tavole le ricette familiari che ci appartengono e che rappresentano la cucina della nostra nonna. Pasta fresca preparata quotidianamente, pane a lievitazione naturale preparato con farine biologiche e non raffinate, cotto nel forno a legna che è nel retro di Osteria della Tuscia Circolo Enogastronomico. E inoltre zuppe come l’Acquacotta, la Sbroscia, piatti di recupero che testimoniano l’abilità dei nostri avi nella cultura  del non spreco. Piatti semplici ma di una bontà unica.

Prenotazioni a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure al numero 0761 773169 o cell 3920703213.