Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Essi consentono, inoltre, di offrire pubblicità su misura e collegamenti ai social network. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Una volta i funghi galletti si trovavano solo nei boschi e quindi questo sugo sulla tavola faceva festa grande in famiglia. Oggi per fortuna questi funghi si trovano anche sui banchi al mercato, quindi non è complicato seguire questa ricetta.

INGREDIENTI
320 g di spaghetti N.5
150 g di guanciale
6 tuorli di uova medi
50 g di pecorino romano
Sale fini q.b.
Pepe neo q.b.

Difficoltà:
BASSA
Preparazione:
15 MINUTI
Cottura:
10 MINUTI
Dosi per:
4 PERSONE
Costo:
BASSO

PREPARAZIONE:
per preparare gli spaghetti alla carbonara cominciate mettendo sul fuoco una pentola con l’acqua salata per cuocere la pasta.
Nel frattempo eliminate la cotenna del guanciale e tagliatelo prima a fette e poi a striscioline spesse circa 1 cm.
Versate i pezzetti in una padella antiaderente e rosolate per 15 minuti a fiamma media, fate attenzione a non bruciarlo altrimenti rilascerà un aroma troppo forte.
Nel frattempo tuffate gli spaghetti nell’acqua bollente e cuoceteli per il tempo indicato sulla confezione.
Intanto versate i tuorli in una ciotola, aggiungete anche la maggior parte del pecorino previsto dalla ricetta
la parte restante servirà per guarnire la pasta
Insaporite con il pepe nero, amalgamate tutto con una frusta a mano
Aggiungete un cucchiaio di acqua di cottura per diluire il composto e mescolate
Intanto il guanciale sarà giunto a cottura, spegnerete il fuoco e tenetelo da parta.
Scolate la pasta al dente direttamente nel tegame con il guanciale e saltatela brevemente per insaporirla.
Toglietela dal fuoco e versate il composto di uova e pecorino nel tegame, saltate la pasta per amalgamare e se dovesse risultare troppo asciutta potete aggiungere poca acqua di cottura.
Servite subito gli spaghetti alla carbonara insaporendoli con il pecorino avanzato e il pepe nero macinato.

Buon appetito – Luca lo Chef de Noantri
@lucalochefdenoantri
#lucalochefdenoantri

L'acquacotta della Tuscia è un piatto tipico della zona del viterbese. Una preparazione contadina, che nella enorme saggezza avevano creato questo piatto per ristorarsi nelle lunghe giornate passate al pascolo o fuori alle intemperie. Una variazione eccellente della ricetta classica, che di certo è adatta a chi vuol mangiare qualcosa di buono e saporito.

I ravioli di carne non sono un classico della Tuscia, ma è un piatto che fa parte comunque  dei pranzi importanti. Luca lo Chef de Noantri lo propone in una versione molto semplice